google-assicurazioni

Sono passati solo pochi mesi dalla chiusura di Google Compare, il comparatore Rc auto di Google. Il servizio era stato spento agli inizi dell’anno e non era mai riuscito a decollare.

Google Compare era un aggregatore di polizze Rc auto e prodotti finanziari che si basava su un modello a commissione.

Google faceva da “intermediario” e girava alle assicurazioni le ricerche fatte dai singoli utenti. Il gigante di Palo Alto incassava quindi una percentuale per ogni polizza venduta.

L’esperimento però non è andato a buon fine perché le assicurazioni erano piuttosto restie a mettere online tutti i prezzi delle polizze.

Adesso, stando a quanto riporta la Reuters, Google starebbe pensando di rituffarsi nel mercato assicurativo. L’indiscrezione sarebbe arrivata da Montecarlo dove, durante una tavola rotonda, Nick Leeder managing director di Google in Francia, avrebbe affermato che l’azienda di Palo Alto sta lavorando con gli assicuratori francesi di Axa e Allianz per sviluppare pacchetti di prodotti assicurativi tecnologici sfruttando le proprietà di Nest, azienda di domotica controllata di Google.

Il ritorno di Google nel campo delle assicurazioni non è improbabile. Poco tempo fa Matt Josefowicz, Ceo della società di ricerca e consulenza per Compagnie Novarica, aveva spiegato che l’uscita di Google dal business degli aggregatori non era un addio al mercato assicurativo. “Google non sta lasciando il settore. Semplicemente ha capito che vendere assicurazioni attraverso un aggregatore non è nelle loro corde. Penso – ha concluso Josefowicz – che a Palo Alto abbiano capito che è più redditizio vendere prodotti a terzi che scendere personalmente in campo”.

Carlo Francesco Dettori

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech