Edoardo Bertin, AD di ClimateSeed in Italia

Le emissioni nette di gas serra all’interno dell’Unione Europea stanno diminuendo, ma per raggiungere l’obiettivo del -55% entro il 2030 e di neutralità carbonica per il 2050 il ritmo deve quasi triplicare. Anche in Italia nel 2022 le emissioni nette totali di gas serra sono diminuite del 25% rispetto ai livelli del 1990, attestandosi a 7 tonnellate di CO2 equivalente pro capite (Fonte: Climate Action Progress Report 2023). Tuttavia, il nostro Paese, considerando le misure esistenti e senza politiche aggiuntive, è tra gli stati con i maggiori eccessi di emissioni rispetto al percorso indicativo verso la neutralità carbonica entro il 2050 (+76%), indietro rispetto a tanti altri Paesi. Per raggiungere gli obiettivi sarà sempre più cruciale il ruolo delle aziende. Con la direttiva europea CSRD circa 50mila imprese in Europa saranno obbligate a redigere il bilancio di sostenibilità e a calcolare la propria impronta di carbonio. Si tratta prevalentemente di aziende di grandi dimensioni (più di 250 dipendenti), le cui pratiche potrebbero però allargarsi presto alle rispettive filiere, coinvolgendo e sensibilizzando anche le Pmi, fondamentali nel tessuto produttivo italiano.

In questo contesto, arriva in Italia con l’apertura di una sede a Milano, ClimateSeed, la startup francese, acquisita nel 2021 da Axa Investment Managers, che mette tecnologia e intelligenza artificiale a disposizione delle imprese – a prescindere dalle dimensioni – per misurare la loro impronta di carbonio e per implementare strategie e progetti di decarbonizzazione. Fondata nel 2018 la società arriva nel nostro Paese a seguito degli ottimi risultati ottenuti in Francia e nel mondo: oltre 200 clienti, 30 partner, un fatturato in crescita del +100% anno su anno dal 2021 e progetti in più di 25 paesi.

Lo scenario italiano

Sono ancora poche le aziende italiane che ad oggi misurano la propria impronta di carbonio. Nel biennio 2021-2022, meno del 10% delle imprese italiane ha monitorato le proprie emissioni di CO2 (Fonte: Istat) e anche secondo l’Osservatorio MECSPE, nel 2023 solo il 18% delle imprese manifatturiere ha adottato politiche di misurazione. Molte Pmi italiane sono fornitrici di grandi aziende e, sempre più spesso, le grandi aziende richiedono ai propri fornitori di misurare le emissioni di CO2 e adottare pratiche sostenibili. Ciononostante, solo il 37% delle emissioni dello scopo 3 delle imprese europee (emissioni legate alla catena del valore dell’azienda) è soggetto a strategie di decarbonizzazione aziendale, il che indica un significativo margine di miglioramento nella gestione e nella riduzione delle emissioni della catena del valore. Iniziare a monitorare la carbon footprint dell’azienda e allargare questa misurazione alla propria catena del valore non è solo una questione ambientale o regolamentare, ma anche una leva strategica, economica e reputazionale. Non va dimenticato, infatti, che l’81% dei giovani italiani, considera l’impatto climatico dei potenziali datori di lavoro un fattore importante nella scelta del lavoro, con il 25% che lo ritiene una priorità assoluta (Fonte: European Investment Bank).

La soluzione di ClimateSeed

A tal proposito, ClimateSeed ha ideato una piattaforma digitale con una tecnologia AI proprietaria per ridurre la complessità della misurazione delle emissioni, rendendola accessibile anche alle Pmi meno strutturate e gestibile per grandi aziende e Sgr. Questa piattaforma semplifica la raccolta e l’analisi dei dati, facilitando la collaborazione con gli stakeholders per ottimizzare la misurazione e la riduzione delle emissioni.

“L’Italia è già uno dei paesi europei più impattati dal cambiamento climatico. La riduzione delle emissioni di CO2 in Italia è una sfida fondamentale per il futuro, con il nostro Paese che rischia di sforare notevolmente rispetto al percorso verso la neutralità carbonica entro il 2050 – ha commentato Edoardo Bertin, a.d. di ClimateSeed in Italia – Questa sfida è anche una grande opportunità per le aziende e da qui nasce la scelta di approdare anche sul mercato italiano. Grazie alla nostra piattaforma digitale e all’utilizzo dell’intelligenza artificiale, vogliamo supportare non solo le grandi aziende soggette agli obblighi normativi, ma anche le PMI che costituiscono il cuore pulsante dell’economia italiana. Insieme, possiamo accelerare la transizione ecologica, semplificando la misurazione delle emissioni e facilitando l’implementazione di strategie e progetti di decarbonizzazione. In questo modo, trasformeremo le sfide in opportunità di innovazione e crescita sostenibile per tutto il Paese.”

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech