Identità digitale europea, le considerazioni tecniche di Insurance Europe

Identità digitale europea, le considerazioni tecniche di Insurance Europe.

La proposta della Commissione Europea relativa a un’identità digitale affidabile e sicura per tutti gli europei rappresenta un’opportunità di sviluppo ad alto potenziale per il settore assicurativo, soprattutto nell’area della distribuzione. A dirlo in una nota è Insurance Europe, l’associazione che riunisce gli assicuratori europei. Secondo Insurance Europe, un’identità digitale europea consentirebbe agli assicuratori una chiara e facile identificazione dei potenziali clienti, in particolare nell’adempimento degli obblighi di “Know Your Customer” per i canali di distribuzione online o nel rispetto degli obblighi antiriciclaggio. Non solo, i clienti “avrebbero la possibilità di registrarsi e accedere ai servizi online degli assicuratori attraverso una facile identificazione per il single sign-on”. Inoltre l’istituzione di un’identità digitale europea “garantirebbe l’accertamento della maggiore età dei clienti e quindi la loro piena capacità giuridica per stipulare un contratto”. Infine, il portafoglio di identità digitale “potrebbe fornire un mezzo per dimostrare alle autorità di vigilanza competenti che i requisiti di formazione e qualificazione professionale dei dipendenti continuo sono stati soddisfatti dal dipendente.”

Riguardo l’implementazione tecnica di un’identità digitale europea, Insurance Europe consiglia la commissione di considerare che: attualmente non esiste un’architettura IT uniforme, né un catalogo di test per l’architettura SSI. Tuttavia, dovrebbe essere garantita l’interoperabilità dei portafogli di identità digitale, in particolare per quanto riguarda il loro livello di garanzia; le soluzioni di Digital Identity Wallet dovrebbero anche essere user-friendly, pur mantenendo un alto livello di sicurezza e affidabilità per migliorare l’accettazione da parte degli utenti; in termini di interoperabilità, facilità d’uso e accettazione da parte degli utenti, gli utenti non dovrebbero essere costretti a utilizzare portafogli diversi a seconda del rispettivo ambito; non dovrebbero esserci restrizioni tecniche all’uso dei portafogli sui dispositivi mobili: le soluzioni di portafoglio dovrebbero funzionare senza problemi su tutti i dispositivi mobili, indipendentemente dal loro sistema operativo o dall’età; le identità digitali potrebbero anche contribuire a semplificare l’adempimento dei diritti alla protezione dei dati e renderli più sicuri. Tuttavia, quando si decide su una tecnologia specifica per l’implementazione dei portafogli di identità digitale, occorre anche prestare attenzione a garantire la conformità alla legislazione sulla protezione dei dati (ad es. Data protection by design) e a scegliere soluzioni a prova di futuro.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Insurzine

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech
Dati Insurtech
I Podcast di Insurzine