https://getjuniper.co.uk

Oggi sono sempre di più le aziende che offrono polizze salute ai propri dipendenti, ma queste coperture non sempre coprono alcune patologie dell’apparato riproduttore femminile e/o maschile. Proprio per colmare questa lacuna è nata Juniper, una startup assicurativa che vuole fornire ai datori di lavoro dei prodotti che assicurano alcune delle aree chiave della salute riproduttiva. Per sostenere il suo progetto, l’insurtech inglese ha da poco chiuso il suo ultimo round di finanziamento pre-seed da 1,5 milioni di sterline. La raccolta di capitale è stata condotta da Insurtech Gateway e ha visto la partecipazione di Vc 2100 Ventures ed Exceptional Ventures oltre a diversi angel investor tra cui Tara Reeves di Eurazeo, Atomico Angel, Vera Baker e il fondatore della fintech ComplyAdvantage, Charles Delingpole.

Cosa fa Juniper

Fondata nel 2023, Juniper è nata dalla mente di Ambra Zhang (ceo e co-founder). L’idea le è venuta dopo che le è stata diagnosticata la Pcos (sindrome dell’ovaio policistico) e l’assicurazione sanitaria erogata dal suo precedente datore di lavoro non copriva questa patologia. 

La startup mira a colmare le lacune delle tradizionali assicurazioni sanitarie offrendo un programma assicurativo completo per la salute riproduttiva e genitale per tutti i generi. Le coperture sono studiate per imprese di medie e grandi dimensioni e mirano a supportare il benessere dei dipendenti affrontando bisogni di salute riproduttiva spesso trascurati.

Il programma assicurativo di Juniper ha un alto coefficiente di inclusività, coprendo condizioni come endometriosi, disfunzione erettile, cancri degli organi riproduttivi e disforia di genere. Include anche trattamenti per la menopausa, supporta la crioconservazione degli ovuli e offre assistenza per trattamenti di fertilità come la fecondazione in vitro (IVF), che spesso non sono coperti dalle polizze sanitarie aziendali standard. Inoltre, le offerte di Juniper sono strutturate per supportare richieste di frequenza elevata che possono comportare costi moderati, rendendola un’opzione attraente per le aziende che cercano di fornire benefici completi ai loro dipendenti.

L’iniziativa di Juniper è particolarmente innovativa poiché mira a rimuovere lo stigma intorno ai problemi di salute riproduttiva e a fornire una piattaforma digitale che rende il supporto alla salute riproduttiva facilmente accessibile.

“Le aziende sono sempre più sensibili al prezzo quando si tratta di offrire benefit ai loro dipendenti – ha detto Zhang – Ora la startup è nella fase di due diligence con una serie di compagnie”. 

Grazie ai fonti ottenuti Juniper, oltre ad ampliare il proprio team, implementerà il programma pilota che vede la partecipazione 1000 persone, tutti dipendenti di diverse aziende sparse per il Regno Unito. Il lancio del prodotto vero e proprio è atteso per il 2025.

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech