vittoria assicurazioni

Vittoria Assicurazioni ha chiuso il 2023 con un utile netto  a 80,8 milioni di euro, contro 62,5 milioni del precedente esercizio.

“Questo risultato – riporta una nota diramata dalla società – è frutto delle azioni intraprese dallo scorso esercizio, in cui la Compagnia ha attivato una progressiva campagna di incremento del premio medio RC Auto, ha rivisto le condizioni contrattuali dei Rami Danni maggiormente interessati dai fenomeni atmosferici e ha introdotto criteri in linea con l’evoluzione dei fenomeni stessi per la sottoscrizione di nuovi contratti che prevedono tali garanzie. Un’attenta politica riassicurativa ha contribuito a mitigare gli effetti dei fenomeni climatici estremi avvenuti nell’esercizio portando il combined ratio conservato a 95,0% (96,3% al 31 dicembre 2022)”.

I premi complessivi contabilizzati al 31 dicembre 2023 hanno registrato un incremento del 4,6% rispetto al 2022 e ammontano a  1.756,8 milioni di euro (1.679,4 milioni al 31 dicembre 2022) con un incremento nei Rami Danni del +10,0% e una riduzione nei Rami Vita del ‐15,4% i quali hanno risentito delle particolari condizioni dei mercati finanziari, che hanno reso più attrattivi i titoli governativi a seguito dell’impennata dei rendimenti dei titoli di stato.

Rami Danni

La raccolta premi complessivi (diretti e indiretti) dei Rami Danni risulta in crescita del +10,0% rispetto allo scorso esercizio e ammonta a 1.457,2 milioni di euro (1.325,1 milioni nel 2022).

In particolare, la raccolta dei premi Auto è in crescita del 9,1% e ammonta a 966,9 milioni (886,7 milioni nel 2022) mentre quella dei premi Non Auto è in crescita del 11,8% e ammonta a 490,3 milioni (438,4 milioni a dicembre 2022).

Complessivamente il combined ratio conservato è pari a 95,0% (96,3% nel 2022) e riflette un rapporto sinistri a premi del 67,5% (69,2% nel 2022), registrando, per le motivazioni precedentemente evidenziate, un decremento della sinistralità rispetto al 2022.

Rami Vita

I premi dei Rami Vita sono pari a 299,6 milioni di euro in riduzione del ‐15,4% rispetto al precedente esercizio, e il risultato del conto tecnico dei Rami Vita ammonta a 18,9 milioni ( ‐6,2 milioni nel 2022 che risentiva di rettifiche di valore su investimenti del comparto non durevole per complessivi 21,9 milioni).

Gestione Finanziaria

Gli investimenti complessivi pari a 4.717,2 milioni di euro aumentano del 3,4% rispetto al 2022 e sono riferiti per  312,3 milioni (+31,8%) a investimenti con rischio a carico degli Assicurati e per 4.404,8 milioni a investimenti con rischio a carico della Compagnia (+1,8% rispetto al 2022).

I proventi patrimoniali netti, connessi a investimenti con rischio a carico della Compagnia, ammontano a 94,1 milioni contro 63,8 milioni dell’esercizio precedente (che includeva rettifiche di valore su investimenti del comparto non durevole per complessivi 21,9 milioni) grazie a maggiori proventi ordinari derivanti dal comparto obbligazionario.

Situazione patrimoniale

Il patrimonio netto ammonta a 819,0 milioni di euro, +6,6% rispetto al 2022 (768,6 milioni) e riflette l’incremento derivante dal risultato di periodo e la distribuzione del dividendo relativo al 2022.

Dividendo

Il cda della Compagnia ha infine proposto all’Assemblea la distribuzione di un dividendo di 0,47 euro per azione (payout ratio del 37,7%). Il dividendo sarà pagato a partire dal 2 maggio 2024 previo stacco della cedola n. 42 in data 29 aprile 2024.

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech