welfare

La salute rappresenta oggi la priorità dell’82% degli italiani ed è indicata tra gli obiettivi fondamentali del Pnrr che prevede investimenti per 20 miliardi di euro a supporto del Ssn entro il 2026. La collaborazione tra pubblico-privato, il focus sulla dimensione territoriale e la svolta digitale sono i pilastri del futuro del sistema sanitario in un Paese che oggi conta più di 4 milioni di non autosufficienti e 14 milioni di over65, un dato destinato a salire fino a 20 milioni entro il 2045.

In questo contesto, Generali ha varato una nuova unità organizzativa “Health&Welfare”. La struttura racchiude in un unico polo i segmenti di business Malattia e Infortuni per i clienti Retail, Imprese e Employee Benefits (Collettive), con un’offerta integrata per la prevenzione e la protezione della salute di famiglie, lavoratori e imprese. L’unità sarà dedicata allo sviluppo della migliore customer experience per clienti, agenti e distributori, attraverso un’offerta modulare che coniuga: soluzioni assicurative e servizi innovativi; un modello operativo pienamente integrato tra sviluppo commerciale, pricing & underwriting, gestione sinistri e servizi; accesso al network di strutture sanitarie sul territorio.

La nuova unità “Health&Welfare”, a diretto riporto del general manager di Generali Italia, Massimo Monacelli, è operativa dal 1° marzo 2023 ed è affidata a Francesco Bardelli, chief health & welfare and connected business development officer di Generali Italia e ceo di Generali Welion, la società di servizi di welfare integrato.

 “Salute e welfare per famiglie, imprese e Paese sono centrali nello sviluppo della nostra strategia Lifetime Partner 24: Driving Growth – hanno affermato Monacelli e Bardelli – La nuova organizzazione ci permette di aumentare il nostro impegno in un settore strategico ed in forte crescita, facendo leva sull’unione di Infortuni e Malattia per generare importanti sinergie, migliori servizi e soluzioni innovative per tutti i nostri clienti. Questo nuovo assetto guarda alle best practice internazionali, rappresenta un unicum a livello nazionale. Ci permetterà di rafforzare la nostra leadership ed essere ancor più efficaci con un’offerta sempre più innovativa e personalizzata”.

Health&Welfare, la proposta di Generali

La proposta alle famiglie e alle imprese della Compagnia si basa su un ecosistema per la prevenzione e la protezione della salute, che coniuga un network di oltre 9.000 strutture sanitarie a servizi innovativi per facilitare l’accesso alle cure, per la telemedicina e per la digital health. Per le pmi ed il corporate il nuovo perimetro “permette di rafforzare le soluzioni dedicate al Welfare aziendale, che comprendono coperture complete e modulari Employee Benefit, strumenti per la gestione dei Flexible Benefit e la possibilità di offrire ai dipendenti programmi personalizzati di check-up, prevenzione e lifestyle”. Il nuovo modello interviene anche sul post-vendita con l’obiettivo di renderlo più smart, abilitando processi seamless e migliorando la capacità di risposta e i livelli di servizio di alta qualità.

In un mercato Infortuni e Malattia che vale circa 7 miliardi di euro di premi, Generali detiene una quota di mercato di oltre il 20%, con una raccolta premi che nel 2022 si è attestata a 1,6 miliardi.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione Insurzine

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech