Riccardo De Bernardinis, Ernesto

Chi non si è mai trovato in difficoltà nel reperire un professionista a seguito di un danno domestico? La stessa cosa è capitata al fondatore e Ceo di Ernesto.it, Riccardo De Bernardinis, che ha raccontato a InsurZine quando nel tentativo di riparare un danno idraulico fai-da-te si è reso conto di non essere in grado di riuscirci da solo. “Dovevo trovare un idraulico in poco tempo. – ha raccontato De Bernardinis – Vi posso assicurare che è stato complicatissimo sia nella fase di ricerca che in quella di comunicazione. Spiegare esattamente il problema che stavo riscontrando si è rivelata essere un’impresa titanica. Dopo diverse ore sono riuscito, grazie al passaparola, a contattare un idraulico”. Correva l’anno 2015 e De Bernardinis si trovava faccia a faccia con il professionista. In questo istante emersero gli enormi gap tra la digitalizzazione e il mondo dei professionisti. “In quel preciso momento compresi l’utilità di avere una lista referenziata dei migliori professionisti sempre a portata di mano – ha continuato De Bernardinis – Ma la vera scoperta fu che per l’artigiano era molto più complicato trovare i clienti. Qui è nato Ernesto.”

Cosa fa Ernesto.it

Ernesto è un marketplace di professionisti per la casa e si propone di essere l’assistente a cui il cliente può chiedere aiuto per trovare la figura di cui ha bisogno ed entrarci in contatto direttamente. “Ernesto aiuta chiunque abbia bisogno di trovare ditte affidabili, professionisti o artigiani nella zona, confrontando preventivi e recensioni – ha affermato De Bernardinis – Il problema più grande che Ernesto risolve è che i professionisti hanno sempre problemi a trovare nuovi clienti. Infatti, mettiamoci per un attimo il cappello giallo da Idraulico. Molti Professionisti locali non sono soddisfatti degli attuali metodi di marketing perché stanno spendendo molti soldi per scarsi risultati. Infatti, usando tecnologie come Google Ads gli artigiani rischiano di spendere fino a 2000 euro al mese per ottenere click sul proprio sito web e, molto spesso, il tasso di abbandono è altissimo. Al contrario, utilizzando una piattaforma come Ernesto quest’ultimi si ritrovano a spendere circa 50 euro per contatto solo nel momento in cui il cliente lo ingaggia”.

Come funziona Ernesto.it

Il mercato a cui si riferisce Ernesto non è particolarmente digitalizzato, ma è possibile superare questo gap rendendo il processo digitale semplice e immediato. “Al giorno d’oggi, più di un quarto dei consumatori afferma di usare internet per trovare aziende locali ogni giorno, eppure un enorme 30% delle piccole imprese non ha ancora un sito web. – ha commentato De Bernardinis – Questa cifra sale ancora di più nell’industria dei servizi per la casa, dove molti professionisti, come idraulici ed elettricisti, hanno poco tempo e scarsa esperienza nel trovare clienti tramite il marketing digitale. In questo preciso momento Ernesto aiuta i professionisti locali a trovare clienti interessati, semplificando la ricerca. Per i professionisti è gratuito visualizzare le richieste da parte dei potenziali clienti. Solamente dopo aver deciso di accettare l’incarico e aver inviato un preventivo viene richiesto ai professionisti di pagare una tassa.”

“Ernesto non fa pagare nessun tipo di registrazione o di abbonamento – ha continuato De Bernardinis – Inoltre, i professionisti possono anche risparmiare tempo tagliando le visite in loco e le riunioni introduttive, poichè ricevono richieste dettagliate che includono informazioni sufficienti e pertinenti per fornire un preventivo accurato. Ernesto si occupa solo del contatto iniziale”.

Secondo De Bernardinis, assisteremo a una crescita esponenziale nell’uso di tecnologie informatiche volte a una maggiore collaborazione e interazione tra i vari professionisti e i clienti, in qualunque settore.

Dalla Silicon Valley all’Italia: il viaggio di Ernesto

“Nel 2019, siamo stati selezionati per un programma di 3 mesi di accelerazione startup – ha raccontato De Bernardinis – Sono andato a vivere per 3 mesi a Sunnyvale in Silicon Valley frequentando quotidianamente l’acceleratore di Plug N Play Tech Center. In quei giorni ho avuto modo di entrare in contatto con alcuni dei massimi esponenti della Bay Area. Quando ho scoperto il mondo startup, Mind The Bridge è stato il primo acceleratore che ho sentito nominare, ma a quei tempi la California sembrava lontana ed inarrivabile. Dal giorno zero, abbiamo lavorato notte e giorno per Ernesto e vederlo crescere così, è la prova del nove più soddisfacente. Ernesto è stata scelta proprio da Mind the Bridge per l’edizione 2021 del programma e a dicembre tornerò 20 giorni in Silicon Valley. Era il mio sogno da quando è nato Ernesto, mi sembra incredibile che tutto questo stia succedendo davvero a noi”.

L’acceleratore Insurtech Vittoria Hub e Ernesto

A settembre 2021 Ernesto.it ha chiuso un round di investimento da 335 mila euro con un business angels della Silicon Valley Sahil P Jain, uno dei più importanti imprenditori del Sud America e un investitore Corporate che è Vittoria hub l’acceleratore di Vittoria Assicurazioni. “Sono fiero del fatto che Ernesto sia parte del primo batch di startup di Vittoria Hub, il primo incubatore e acceleratore di Open Innovation Insurtech in Italia – ha concluso De Bernardinis – Quest’anno Vittoria Assicurazioni ha compiuto 100 anni e si è dimostrata essere davvero al passo con i tempi.  Creando Vittoria hub, infatti, la Compagnia ha dato la possibilità a Startupper di sviluppare idee altrimenti difficili da mettere a terra, al fine di creare sinergie che porteranno a nuove acquisizioni di quote di mercato. A brevissimo, annunceremo tutti i dettagli della sinergia e dell’iniziativa di Open Innovation tra Ernesto e Vittoria. Abbiamo firmato un NDA e quindi non possiamo ancora spoilerare nulla. Posso anticipare che sta per succedere e sarà una vera rivoluzione nel settore dei servizi assicurativi.”

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Francesca Ghisi

Classe 1994, laureata in Giurisprudenza è esperta in Bancassurance e Diritto Comparato.
Dati Insurtech
I Podcast di Insurzine