outlook assicurazioni

La volatilità del mercato dei capitali, i rischi di recessione e l’aumento dell’inflazione rappresentano un rischio per gli assicuratori dell’area Emea, mentre l’aumento dei tassi d’interesse sostiene i redditi da investimenti. È quanto emerge dall’outlook 2023 per il settore assicurativo Emea a cura di Standard & Poor’s.
L’agenzia di rating prevede che la performance operativa si manterrà solida e che i rischi di inflazione e recessione non metteranno in discussione le posizioni economiche nel 2023. “I risultati annuali – riporta l’agenzia – hanno mostrato rivalutazioni degli investimenti mark-to-market che hanno avuto un impatto sproporzionato sul patrimonio netto IFRS 4 e sulle svalutazioni degli investimenti”. Secondo S&P, nonostante “i rischi di investimento derivino principalmente dagli asset illiquidi e dai derivati degli assicuratori vita, il loro margine di investimento e il valore intrinseco value-in-force beneficiano dell’aumento dei tassi di interesse a lungo termine”. Un altro dato evidenziato dall’outlook riguarda gli aumenti dei premi del ramo danni che stanno provando ad adeguarsi all’aumento dei tassi d’inflazione mentre le aggiunte di riserve nei rami long-tail, come il ramo danni, continueranno nel 2023 e potrebbero diventare consistenti. L’agenzia di rating mantiene un outlook negativo per il segmento riassicurativo, in quanto gli aumenti dei tassi di premio potrebbero essere in linea con l’inflazione, ma non sufficienti a rafforzare la redditività.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech