cybersecurity

Il 56% di tutti i sinistri informatici del 2023 erano il risultato di frodi sui trasferimenti di fondi (FTF) o di compromissione della posta elettronica aziendale (BEC). A rivelarlo è il Cyber Claims Report 2024 realizzato dall’insurtech Coalition.

“Gli autori delle minacce vogliono essere pagati e la casella di posta elettronica si è rivelata un luogo facile in cui un utente malintenzionato può scoprire informazioni sensibile e potenzialmente intervenire nei processi di pagamento per rubare fondi – ha affermato Robert Jones, responsabile Global Claims di Coalition – Nel 2023, abbiamo cercato di rendere il recupero da un incidente informatico il più indolore possibile per i nostri assicurati: abbiamo aiutato con successo a recuperare più di 38 milioni di dollari in trasferimenti fraudolenti”.

Aumentano i rischi cyber per tutte le aziende

Il rapporto ha inoltre rivelato un aumento del rischio per le organizzazioni che utilizzano dispositivi di difesa, come firewall e reti private virtuali. Sebbene questi strumenti possano aiutare a ridurre il rischio informatico, l’utilizzo di alcuni dispositivi può effettivamente aumentare la probabilità di un reclamo informatico se presentano vulnerabilità note.

“Abbiamo riscontrato che gli assicurati che utilizzano il Remote Desktop Protocol avevano una probabilità 2,5 volte maggiore di riscontrare un sinistro – ha dichiarato Shelley Ma, Incident Response Lead presso l’affiliata di Coalition, Coalition Incident Response – Con i nuovi strumenti di intelligenza artificiale che rendono ancora più semplice l’esecuzione di attacchi informatici mirati, avere un partner attivo che possa aiutare a proteggere la tua organizzazione dai rischi digitali è fondamentale”. 

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech