frode

Allianz ha annunciato una partnership con la società tech Clearspeed per rilevare più facilmente le frodi alimentate dall’intelligenza artificiale e accelerare al contempo l’elaborazione delle richieste di risarcimento autentiche dei clienti. Fondata nel 2016, la società californiana utilizza una tecnologia di analisi della voce basata sull’IA per esaminare le caratteristiche paraverbali del discorso, come il tono, il ritmo, e le inflessioni, in modo da determinare la probabilità che una dichiarazione sia veritiera o meno. La tecnologia non si basa sul contenuto delle parole stesse, ma su come vengono dette. Nel settore assicurativo, Clearspeed può essere utilizzata durante le interviste telefoniche con chi richiede un risarcimento per valutare la veridicità delle loro dichiarazioni ed evitare eventuali frodi. In questo modo, le compagnie assicurative possono ridurre significativamente il tempo necessario per le indagini sui sinistri. Questo non solo accelera la risoluzione dei casi, ma riduce anche i costi operativi associati alle indagini estese. Ed è proprio questo il motivo per cui Allianz ha scelto Clearspeed come spiega Ben Fletcher, Direttore dell’unità Crimini Finanziari delle Personal Lines di Allianz: “Il nostro aumento del tasso di rilevamento delle frodi nel 2023 riflette la serietà con cui affrontiamo il problema delle frodi. La partnership con Clearspeed segna un passo ulteriore per migliorare le nostre misure di prevenzione delle frodi”. L’intento è condiviso con Alex Martin, ceo di Clearspeed: “In un ambiente di rischio sempre più complesso, con aspettative sempre più elevate in termini di customer experience, non c’è mai stato momento migliore per reimmaginare il processo di liquidazione dei sinistri. Noi crediamo che la chiave per identificare meglio i rischi e prevenire le frodi sia creare fiducia. Questo cambiamento di paradigma è fondamentale per trasformare il settore assicurativo e far fronte alle sfide del mondo di oggi. Possiamo rispondere in modo univoco a tale esigenza senza scendere a compromessi tra la soddisfazione del cliente e il rilevamento del rischio, appoggiandoci a una maggiore precisione e a informazioni fruibili” conclude.

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Francesca Ghisi

Classe 1994, laureata in Giurisprudenza è esperta in Bancassurance e Diritto Comparato.