1-Automotive Dealer Day-Nobis

Pronti a cambiare, ma anche legati al contatto personale e disposti a stabilire un rapporto di medio-lungo periodo per servizi successivi all’acquisto della vettura: sono i clienti automotive come emerge dal report di Deloitte Global Automotive Consumer Study 2024” i cui principali trend sono stati presentati all’Automotive Dealer Day di Verona, durante il workshop organizzato da Nobis AssicurazioniDiritti e doveri del dealer. Le nuove sfide nella distribuzione automotive anche alla luce della nuova disciplina normativa”.

Un incontro moderato da Luca Montagner (Senior Advisor & Partner – Quintegia), in cui sono intervenuti, oltre a Maria De Nobili (Direttore Divisione Automotive di Nobis), Lorenzo Picciano (Avvocato, Antitrust & Eu practice, Gatti Pavesi Bianchi Ludovici), Alessandro Grazioli (Partner Deloitte) e Alessandro Pagliero (Manager, Monitor Deloitte).

“Nel mercato italiano i consumatori sono più predisposti a cambiare brand rispetto al resto d’Europa ma si è più propensi a stabilire un rapporto diretto con il venditore, percepito come riferimento per i servizi anche sul lungo periodo” ha affermato De Nobili, illustrando i dati della ricerca nel panel dal titolo “Diritti e Doveri del dealer”.

“Il fattore determinante del cambiamento varia da paese a paese – ha proseguito la manager – principalmente si tratta di desiderio di provare qualcosa di nuovo e nuove tecnologie, ma anche il costo dei veicoli raccoglie importanti riscontri. Resta anche la voglia di una fisicità nel rapporto negoziale: c’è la necessità di una valutazione e una trattativa di persona. Il venditore è riconosciuto come un interlocutore dei servizi e non solo per il momento iniziale dell’acquisto dell’auto. Instaurare una relazione con il cliente, tenendolo al centro dell’attenzione – spiega – ci permette di affrontare le grandi novità del settore”.

I dati della ricerca

Dalle statistiche si scoprono alcuni aspetti legati tra loro: oltre un italiano su due (il 57%) è preoccupato per l’aumento dei prezzi dell’auto, tanto che oltre un terzo delle persone (tra i 18 e i 34 anni) sarebbe pronto a rinunciare a un’auto di proprietà per esplorare soluzioni di noleggio. Ma soprattutto, ben sette italiani su dieci si dicono intenzionati a cambiare brand di automobile.

Un dato particolarmente alto se confrontato in ambito internazionale: più vicino a quelli di India (78%) e Cina (73%) che non agli altri Paesi europei dove troviamo Spagna e Polonia, primi alle spalle dell’Italia, al 62%, e molto più lontani Francia (50%) e Germania (41%).

Ma se questo segnala una certa tendenza all’infedeltà “commerciale”, altri criteri mostrano pure un forte legame al rapporto personale con il venditore, con riflessi anche sul mondo assicurativo.

L’83% degli italiani è orientato ad acquistare il prossimo veicolo di persona presso un concessionario di fiducia. Una voglia di contatto umano e reale, legato alla necessità di interagire e negoziare personalmente, vedere e provare il veicolo e – non ultimo –stabilire una relazione con il venditore per altri servizi.

Tra questi servizi c’è quello assicurativo: quasi quattro italiani su dieci (39%) si dicono infatti interessati ad acquistare prodotti assicurativi direttamente dal produttore. Una propensione che in altre aree del mondo è ancora più elevata: tocca l’83% in India, il 69% del Sud Est Asiatico, il 69% in Cina e il 52% – primo paese europeo – in Polonia. I potenziali vantaggi che vengono individuati nell’acquisto di una polizza con questa modalità sono il risparmio economico (46%), ma anche la convenienza intesa come facilità e comodità (41%) e il processo di acquisto semplificato e più snello (13%).

“Il tasso di (in)fedeltà – ha continuato Maria De Nobili – ci mostra una dinamica molto forte nel nostro mercato e maggiore mobilità rispetto agli altri Paesi europei. Ma c’è anche una significativa fiducia verso la rete distributiva e il contesto automotive: quattro consumatori su dieci sono pronti a fare l’acquisto “embedded” della polizza, senza rivolgersi al canale degli intermediari assicurativi. Bisogna investire in questa centralità di ruolo”.

Un’opportunità importante in termini di mercato attuale (oltre un miliardo di euro di premi a copertura del bene e del credito) di prospettiva: “La tendenza verso la copertura assicurativa è in aumento – ha concluso De Nobili – il mercato danni è cresciuto quasi dell’8% nel 2023 e il comparto auto è trainante, anche per l’aumento del valore del mezzo acquistato”.

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech