tutela legale

Capco, società globale di consulenza tecnologica e gestionale, e la regtech Aptus.AI hanno stretto una partnership strategica finalizzata a introdurre l’IA generativa nel lavoro dei team legal, compliance e risk analysis permettendo così alle organizzazioni di adattarsi rapidamente all’evoluzione dei requisiti normativi.

Aptus.AI, startup nata tra i banchi dell’Università di Pisa da Andrea Tesei, Chief Executive Officer, e Lorenzo De Mattei, Chief Product & Technology Officer, ha chiuso recentemente un round di 3 milioni di euro guidato da importanti investitori e innovatori del panorama italiano quali il fondo Programma 103 di P101 Sgr, affiancato da Fin+Tech. La startup utilizza l’IA per portare a termine in pochi secondi compiti complessi come l’identificazione dei requisiti normativi e il relativo impatto sui processi aziendali, liberando i professionisti dei servizi legali dalle attività più ripetitive e onerose in termini di tempo e costi.

“Tenere il passo con la normativa è una sfida costante – ha affermato Andrea Lo Solfo, partner di Capco – L’IA generativa è in grado di analizzare rapidamente grandi quantità di dati e documenti, aiutando le banche a rimanere conformi alla legge e ad adattarsi ai cambiamenti normativi in modo più efficiente. Combinando l’IA generativa con la nostra esperienza, aumentiamo la capacità dei clienti di sviluppare solidi framework per gestire compliance, policies e processi personalizzati in diverse aree quali la formazione del personale, il monitoraggio, la correzione delle violazioni o le carenze di conformità e la generazione di report”.

“Lavorando con Capco potremo migliorare l’efficienza operativa di istituzioni finanziarie e aziende che operano in settori altamente regolamentati riducendo i costi legati alla compliance e i tempi di implementazione, mentre il nostro servizio le aiuta ad adottare un approccio proattivo alla gestione del rischio e consente di concentrare le competenze in materia normativa su attività a maggior valore aggiunto – ha commentato Andrea Tesei, co-founder e ceo di Aptus.AI – Questa combinazione porta vantaggi anche agli stessi clienti, in quanto l’automazione dei processi di compliance comporta tempi di risposta più rapidi per le richieste che hanno una componente normativa, riducendo i costi sia per l’istituzione che per il cliente stesso”.

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Francesca Ghisi

Classe 1994, laureata in Giurisprudenza è esperta in Bancassurance e Diritto Comparato.