europa, global data

Insurance Europe ha scritto alla Commissione europea sottolineando l’importanza che i negoziati tecnici per la revisione di Solvency II rimangano allineati all’accordo politico e agli obiettivi dell’Ue in materia di cambiamenti climatici, finanziamento della transizione verde e digitale, unione dei mercati dei capitali e aumento della competitività.

La lettera della federazione ha segnalato infatti che “se i negoziati tecnici di livello 2 (che definiscono i dettagli sulle modalità di attuazione del regime prudenziale) si allontaneranno dagli obiettivi dell’accordo, ciò comprometterà la capacità del settore di contribuire agli obiettivi politici più ampi dell’Ue”. La comunicazione è stata inviata al vicepresidente della Commissione europea Dombrovski e al commissario McGuinness, poco prima che il gruppo di esperti della Commissione europea su banche, pagamenti e assicurazioni tenga la prima serie di colloqui tecnici il 15 maggio.

Insurance Europe si è detta preoccupata perché questi dettagli avranno un ruolo cruciale nel determinare l’impatto e i benefici della revisione. Ad esempio, secondo l’associazione “il settore non dovrebbe fare marcia indietro sull’accordo raggiunto tra il Parlamento e il Consiglio dell’Ue per limitare l’impatto delle modifiche alla correzione del rischio, un elemento chiave dell’aggiustamento della volatilità che protegge gli assicuratori da un’inutile volatilità dei mercati finanziari”. Infine, facendo riferimento al documento di sintesi recentemente pubblicato dalla stessa federazione “Delivering on the agreed ambitions for the Solvency II review”, l’associazione ha invitato la Commissione Europea a garantire che utilizzi i negoziati “per mantenere le promesse di ridurre l’onere delle segnalazioni del 25%, fattore che sta ostacolando l’innovazione e gli investimenti”.

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech