insurance, financial, eiopa

Le realtà che operano nel mercato assicurativo europeo hanno chiesto all’Ue di definire con maggiore chiarezza i tempi relativi agli obblighi normativi sanciti nell’Irrd. A rivelarlo è Insurance Europe in quanto – scrive l’associazione – la mancanza di “una tabella di marcia chiara e coerente per lo sviluppo della direttiva sul risanamento e la risoluzione delle assicurazioni (Irrd) crea incertezza”. L’associazione degli assicuratori europei infatti sostiene che attualmente esiste uno “sfasamento” nella tempistica tra la data prevista per l’attuazione dei nuovi requisiti e lo sviluppo di importanti standard tecnici e linee guida necessari per mettere in pratica il nuovo regime.

Infatti, spiega Insurance Europe, in seguito all’accordo dei colegislatori dell’UE, si prevede che la normativa – che rafforza la regolamentazione del settore assicurativo e crea ulteriori poteri per le autorità in caso di fallimenti degli assicuratori – venga pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Ue (Guue) nel corso dell’anno. Gli Stati membri e tutte le realtà soggette all’Irrd avranno poi 24 mesi di tempo dalla data di pubblicazione per conformarsi alla legge. Nel dettaglio è stato chiesto all’Eiopa di sviluppare 19 standard tecnici e linee guida entro i 30 mesi successivi alla pubblicazione in Guue della normativa per aiutare le Autorità regolamentari degli stati membri e le imprese di assicurazione a conformarsi alla Irrd. Ma è proprio su questo fronte che l’associazione nella lettera avverte timori relativamente a questo “disallineamento dei tempi” che “creerebbe una notevole incertezza sull’attuazione della direttiva”.

Questa non è la prima volta che l’associazione lancia un monito sul tema. Insurance Europe, infatti, aveva già accolto con favore i miglioramenti apportati dai colegislatori dell’Ue quando è stato raggiunto un accordo nel dicembre 2023. Tuttavia, la federazione di settore continua a mettere in dubbio il valore aggiunto dell’Irdd, viste le solide garanzie esistenti per proteggere i responsabili politici fornite da Solvency II – il regime prudenziale dell’Ue – e l’ulteriore onere normativo che comporterà.

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech