ia generativa

Armundia Group, techcompany internazionale specializzata in piattaforme e servizi ICT per banche, assicurazioni e società di consulenza finanziaria, ha lanciato Armundia A-Human, copilota AI volto a rendere più efficienti i processi decisionali aziendali a tutti i livelli organizzativi.

Che cos’è un copilota

Addestrato su competenze specialistiche, il copilota è un agente esperto che sfrutta la potenza combinata di modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM) e della IA generativa non solo per analizzare, interpretare e utilizzare il vasto patrimonio informativo a disposizione di banche, istituti finanziari e compagnie assicurative, ma anche per automatizzare i workflow operativi interpretando le richieste e innescando catene di processi.

Come funziona

Grazie al Natural Language Processing (NLP), il sistema simula conversazioni in comune linguaggio parlato, comprende lo scopo delle domande dell’utente, suggerisce gli input più efficaci e fornisce risposte chiare che rendono la relazione persona/macchina molto prossima a un’interazione umana. In una nota la società ha affermato che “Armundia A-Human è sicuro, affidabile ed etico, poichè il comando e la responsabilità restano in capo alle persone che lo utilizzano”.

“Armundia A-Human è una soluzione all’avanguardia, che fa della sua versatilità il proprio punto di forza – spiega Elisa Bruno, Italy Sales Director di Armundia Group – Siamo sicuri possa offrire vantaggi significativi a ogni livello aziendale, dalla pianificazione strategica, alle organizzazioni, alle operation, fino alla compliance e alla gestione contrattuale della clientela. Con questa soluzione portiamo sul mercato un vero e proprio abilitatore di business e competitività mettendo in sinergia tre fattori strategici: la ricchezza dei dati, il patrimonio umano di know-how e competenza e il potere computazionale del machine learning e del deep learning”.

Il sistema, completo di funzionalità di generazione data-driven di immagini, grafici, documenti e report narrativi, può essere integrato con piattaforme di Spatial Computing e agganciato a un sistema di Data Storytelling tridimensionale che permette di estrarre, elaborare, manipolare e interrogare i dati in modalità 3D interattiva e in realtà aumentata su device fissi, mobili e indossabili.
La soluzione può essere incorporata in modo semplice e sicuro in qualsiasi stack tecnologico e personalizzato sui dati del cliente in base all’ambiente organizzativo, ai modelli decisionali, ai flussi operativi. Nella nota viene infatti specificato che il sistema, “dopo un periodo di training gestito da specialisti del settore e di apprendimento da fonti documentate con tecniche di Retrieval Augmented Generation (RAG), è in grado di adattarsi alle esigenze specifiche, integrarsi al contesto aziendale e offrire risultati e comportamenti in linea con lo stile del cliente”.

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Redazione Insurzine

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech