Donne, Cda, Board, Italia

In Italia nel 2023 nei consigli di amministrazione (cda) quattro poltrone su dieci sono state occupate da una donna. Una percentuale significativa (40,4%), in netta crescita nell’ultimo decennio e che segna un significativo distacco rispetto alla media dei Paesi europei, fermi al 33,8%, ma anche rispetto alla media globale, dove la percentuale di quote rose nei board si ferma al 23,3%. È quanto emerge dalla ottava edizione di “Women in the boardroom: A global perspective”, lo studio di Deloitte condotto su oltre 18 mila aziende in 50 Paesi che esplora la rappresentanza delle donne nei cda.

“In Italia, la quota di posti nei consigli di amministrazione occupati da donne è quasi raddoppiata negli ultimi dieci anni, raggiungendo oltre il 40% nel 2023: si tratta di un significativo progresso in buona parte sostenuto dalla legislazione italiana sulle quote – la cosiddetta legge Golfo-Mosca – e dai requisiti del Codice di Codice di Autodisciplina – ha commentato Silvana Perfettipartner e people & purpose leader di Deloitte Consulting – Analizzando la presenza femminile nei diversi ambiti, emerge chiaramente che i settori Energy and Resources e Financial Services sono quelli che hanno fatto più significativi progressi. Inoltre, è interessante notare che le donne sono sempre più presenti nei comitati dei consigli di amministrazione italiani e sono arrivate a ricoprire la maggior parte delle cariche sia nei comitati sia tra le posizioni di presidenza in quasi tutti i comitati italiani”.

“Se è vero che le donne in Italia presiedono i cda più spesso che negli altri Paesi europei (22%) e del resto del mondo (8%), è chiaro, d’altra parte, che rimane ancora molto lavoro da fare, soprattutto per quanto riguarda le posizioni di vertice – ha aggiunto Perfetti – Nel nostro Paese, infatti, solo il 4% degli amministratori delegati e solo il 6% dei direttori finanziari è donna. Dunque, se è vero che la percentuale di donne che ricoprono ruoli di rilievo nei board è aumentata sensibilmente, per raggiungere una piena parità di genere nelle aziende nei prossimi anni dovremo vedere anche più donne ai vertici aziendali italiani, comprese le posizioni di Ceo e Cfo”.

Le donne nei cda italiani: superata la soglia del 40%

In Italia prosegue il trend di crescita del numero di donne presenti nei cda: un numero che è progressivamente aumentato, passando dal 29,3% del 2018 al 36,3% del 2021, fino al 40,4% del 2023. Segue la stessa tendenza, anche se con percentuali meno significative, il numero di Presidenti di cda donna, passato dal 18,2% del 2018 al 21,1% del 2021 e arrivato al 22,6% del 2023. Rispetto agli uomini, le donne hanno un’età media più bassa e anche un mandato medio più breve: nel 2023 tra i membri dei board le donne avevano un’età media di 56,1 anni mentre gli uomini avevano, in media, 59,5 anni. La durata media del mandato dei Presidenti dei cda nel 2023 era di 5,5 anni per le donne e di 7,5 anni per gli uomini.  

Le donne Ceo e Cfo rimangono una minoranza: solo il 4% e 6% in Italia

Il netto aumento della presenza femminile nei board, però, non si è accompagnato a una crescita del numero di donne che ricoprono il ruolo di Ceo e Cfo, che in Italia si ferma rispettivamente al 4% e al 6% – percentuali inferiori sia alla media globale (6% e 17,6%) sia a quella europea (7,3% e 16,6%). Il Codice di Corporate Governance, la Legge Golfo-Mosca e i Principi OECD/G20 sulla Corporate Governance, dunque, hanno garantito all’Italia una rappresentanza equa all’interno dei Comitati delle Quotate, ma non è stata in grado di influire su una maggiore rappresentanza femminile tra gli Amministratori Delegati e i Direttori Finanziari.

I settori con più donne nei cda italiani: “Energy and Resources” la più virtuosa

Analizzando la presenza femminile nelle 116 aziende del campione italiano, emerge che i settori che hanno raggiunto le più alte percentuali di donne nei cda sono Energy and Resources e Financial Services. Con un rapido avanzamento nell’arco di pochi anni, il settore Energy and Resources è passato dal 29,3% del 2018 al 45% del 2023, mentre il comparto del Financial Services è passato dal 29,2% del 2018 al 42,1% del 2023. Nel 2023 nel settore Technology, Media & Telecommunications le quote rosa sono arrivate al 40,9%, nel “Manufacturing” sono il 40,5%, mentre nel comparto Consumer Business la percentuale è arrivata al 39,4%.

La presenza delle donne a livello globale: meno di una donna su quattro siede nei board

Nel 2023 le donne hanno occupato meno di un quarto dei posti nei cda a livello globale (23,3%): una quota ancora limitata ma che, segna un aumento di 3,6 punti percentuali rispetto al 2022. Inoltre, a livello globale, la percentuale di donne che presiedono un cda è quasi tre volte inferiore alla percentuale di donne presenti nei cda, con solo l’8,4% dei board di tutto il mondo presieduti da donne. Quando si tratta dei ruoli esecutivi più alti, poi, la rappresentanza femminile diminuisce ulteriormente: solo il 6% dei Ceo nel mondo sono donne, con un aumento solo dell’1% rispetto al 2022. Al ritmo attuale, la parità globale per gli amministratori delegati non verrebbe raggiunta prima del 2111, ovvero tra quasi 90 anni.

La situazione in Europa: a spingere la presenza femminile sono le quote (ma non solo)

A livello europeo la percentuale di donne che siede nei cda è pari al 33,8%, mentre il numero di Presidenti dei cda è arrivato all’11%. I Ceo donna sono, nel 2023, il 7,3%, mentre le Cfo sono arrivate a rappresentare il 16,6% del totale. In diversi Paesi il “soffitto di cristallo” nei cda è stato infranto grazie a una legislazione che prevede delle quote, come nel caso del Belgio e dei Paesi Bassi, dove sono previste quote minime del sesso sottorappresentato pari al 33%, e come nei casi di Francia, Norvegia e Italia, che hanno fissato quote al 40%.

“In diversi Paesi le quote hanno aiutato a spingere in alto l’asticella della rappresentanza femminile minima, ma bisogna ricordare che questi non sono l’unico veicolo di progresso. Ci sono altre iniziative a livello normativo ed associativo, come l’uso di obiettivi e di informativa, che hanno favorito i progressi – ha spiegato Perfetti – Ad esempio, nel Regno Unito e in Australia, le donne oggi occupano più di un terzo dei posti nei Board. E anche se non esiste un numero magico di posti nei cda che un singolo amministratore dovrebbe ricoprire, i dati a livello geografico mostrano che il movimento per aumentare la diversità di genere nei cda non ha causato un overboarding come alcuni avrebbero potuto temere”.

Iscriviti alla newsletter di InsurZine per restare aggiornato su tutte le ultime news e eventi Insurtech

Redazione Insurzine

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech