Generali_EnterPRIZE Donnet-58 (1)

Generali ha ospitato martedì l’evento conclusivo della terza edizione di SME EnterPRIZE, l’iniziativa del Gruppo che ha celebrato i 10 “Sustainability Heroes” selezionati tra oltre 7 mila Pmi in tutta Europa, e presentato la nuova edizione del Libro Bianco realizzato in collaborazione con SDA Bocconi – School of Management Sustainability Lab

L’evento ha visto la partecipazione di alti responsabili politici europei, tra cui Valdis Dombrovskis – Vicepresidente esecutivo della Commissione europea per un’economia al servizio delle persone e Commissario europeo per il Commercio, Paolo Gentiloni – Commissario europeo per l’Economia, Martina Dlabajová – Co-presidente dell’Intergruppo PMI, Parlamento europeo, e Pina Picierno – Vicepresidente del Parlamento europeo, oltre a rappresentanti del mondo accademico e al top management di Generali. L’edizione 2023 ha ospitato anche un intervento di Marcos Neto – Vice Segretario Generale e Direttore del Bureau of Policy and Programme Support di UNDP.

Le pmi europee chiedono di più ai policymaker e alle istituzioni finanziarie

Dal Libro Bianco è emerso che la transizione sostenibile delle pmi  in Europa è rimasta solida, nonostante le numerose sfide che le imprese devono affrontare. Il 44% delle pmi ha dichiarato di adottare, o di adottare a breve, pratiche commerciali sostenibili: un aumento di 3 punti percentuali rispetto all’indagine del 2022.

Tuttavia, molte pmi continuano a dover affrontare diverse sfide. Le imprese che percepiscono la mancanza di sostegno istituzionale, derivante da eccessiva regolamentazione e burocrazia, come un ostacolo alla maggiore sostenibilità, sono quasi raddoppiate da un anno all’altro, passando dal 25% al 48%. Anche la mancanza di incentivi pubblici è aumentata in modo significativo, citata dal 17% di imprese nel 2022 e dal 48% nel 2023. In aumento – dal 26% al 47% – anche le PMI che citano la mancanza di iniziative di finanza sostenibile.

Nel Libro Bianco è contenuto anche un invito alle istituzioni finanziarie affinché coinvolgano e responsabilizzino le pmi, offrendo loro spiegazioni e sensibilizzandole in merito agli strumenti finanziari e alle opportunità per promuovere la loro transizione sostenibile. La ricerca raccomanda inoltre di sostenere le pmi europee attraverso iniziative di finanza sostenibile e di raggiungere un maggior numero di imprese attraverso partenariati e collaborazioni.

Gli eroi della sostenibilità

In occasione dell’evento sono stati celebrati i 10 “Sustainability Heroes”, valutati sulla base del loro impegno sociale e ambientale, inclusa l’implementazione di importanti iniziative di sostenibilità nelle loro attività di business. Le aziende selezionate nelle categorie Ambiente e Sociale provengono dai dieci paesi europei che hanno aderito all’iniziativa: Austria, Croazia, Francia, Germania, Italia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovenia, Spagna e Ungheria.

“Dal 2021, quando Generali ha lanciato SME EnterPRIZE, il progetto per promuovere una cultura della sostenibilità tra le piccole e medie imprese europee e supportarne l’integrazione nelle rispettive attività, sono successe molte cose – ha dichiarato Philippe Donnet, group ceo di Generali – Sebbene queste aziende abbiano dovuto affrontare sfide complesse legate alla crisi energetica, alle interruzioni della catena di approvvigionamento, all’inflazione e alle incertezze a livello economico e geopolitico, il terzo Libro Bianco pubblicato da Generali e SDA Bocconi sottolinea come siano sempre più numerose le pmieuropee che stanno adottando modelli di business più sostenibili, anche perché i relativi benefici rimangono piuttosto tangibili. Allo stesso tempo, continuano ad esserci una serie di ostacoli e barriere che impediscono ad un numero ancora più alto di imprese di intraprendere lo stesso percorso. È quindi fondamentale che i decisori politici contribuiscano a ridurre la burocrazia e ad aumentare il livello di consapevolezza, e che le imprese private più grandi offrano non solo prodotti e servizi ma anche il loro know-how. Si tratta di un processo complesso che richiederà tempo, e c’è ancora molta strada da fare. Ma dobbiamo fare tutto il possibile, perché è nell’interesse di tutti noi costruire un’Europa più forte, sicura, prospera e sostenibile”.

“La nostra strategia ‘Lifetime Partner 24: Driving Growth’ ha come originator la sostenibilità – ha dichiarato Marco Sesana, general manager del Gruppo Generali – È la lente attraverso la quale vediamo il nostro business e il nostro rapporto con le comunità di cui facciamo parte. In qualità di assicuratore leader in Europa, da tre anni promuoviamo la consapevolezza sulle sfide che le pmi devono affrontare e abbiamo raggiunto migliaia di piccole e medie imprese in tutta Europa per trovare i modi di lavorare più sostenibili, mettendo in luce le imprese che fanno bene facendo del bene. Allo stesso tempo, abbiamo sostenuto la ricerca per comprendere le sfide e le opportunità che le pmi devono affrontare. I tre anni di SME EnterPRIZE hanno sottolineato il forte impegno delle pmi a rendere le loro attività più sostenibili, nonostante un contesto difficile. Continueremo a sostenere il loro percorso per costruire un’economia europea inclusiva, verde e sostenibile”.

I “Sustainability Heroes”

  • Dorfplatz STAW (Austria), che offre spazi di co-working e la possibilità di organizzare eventi, laboratori e iniziative culturali e sociali per la comunità locale.
  • Humana Nova (Croazia), una cooperativa sociale che offre opportunità di lavoro a persone con disabilità, coinvolgendole nell’upcycling degli indumenti attraverso la riparazione e la modifica, e nel recupero del filato da abiti non più utilizzabili, per creare nuovi capi senza ricorrere a filato vergine.
  • La Conciergerie Solidaire (Francia), che promuove l’occupabilità e l’integrazione sociale offrendo servizi di concierge ad aziende, comunità di quartiere e altri luoghi di ritrovo.
  • Pervormance International (Germania), che ha progettato un sistema di raffreddamento a zero emissioni adatto non solo per edifici e veicoli ma anche per l’abbigliamento, per affrontare il calore estremo in ambito sportivo, per motivi di salute e per la sicurezza sul lavoro.
  • Planetek Italia (Italia), che offre soluzioni per l’utilizzo di dati geospaziali contribuendo allo sviluppo
  • Miranda Bike (Portogallo), produttore di apparecchiature originali che contribuisce alla mobilità sostenibile fornendo componenti personalizzati per i produttori di biciclette, utilizzando elettricità rinnovabile e materiali riciclati.
  • Biopekárna Zemanka (Repubblica Ceca), panificio-pasticceria che utilizza materie prime residue provenienti da altre produzioni alimentari, imballaggi riciclabili ed elettricità da fonti rinnovabili.
  • Lumar (Slovenia), azienda a conduzione familiare con 30 anni di esperienza negli edifici prefabbricati in legno e nello sviluppo di soluzioni per le “passive house” (cioè edifici ad alta efficienza energetica).
  • Maximiliana (Spagna), che ha sviluppato smartphone con un sistema operativo pensato per l’utilizzo da parte delle persone anziane che può essere gestito da remoto dai familiari attraverso un’apposita app, permettendo ai parenti di rimanere in contatto e combattere la solitudine e l’isolamento degli anziani.
  • Sudár Birtok (Ungheria), un’azienda a conduzione familiare specializzata nella coltivazione e lavorazione di spezie ed erbe aromatiche biologiche.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione Insurzine

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech