we want iouth

È andata in scena lo scorso 9 novembre 2023 nella cornice milanese del teatro di Fabbrica di Lampadine la prima edizione di We Want I-Outh. Un’iniziativa organizzata da Insurzine e che ha visto coinvolte alcune società del settore assicurativo e giovani universitari di diversi atenei milanesi. L’evento è nato da una mission ben precisa: avvicinare i giovani al mondo assicurativo e raccontare loro i cambiamenti in atto nel settore e le opportunità di lavoro che si stanno aprendo anche grazie all’avvento delle nuove tecnologie.
Nel corso della mattinata sono saliti sul palco Alberto Dominici COO – Direttore Operations di Bene Assicurazioni, Giorgio Norza – Chief People Officer di Europ Assistance e Massimiliano Colombo – Regional Underwriting Manager di QBE Italia.

QBE Italia, tra innovazione, cambiamento e formazione

Il primo a salire sul palco è stato Massimiliano Colombo, Regional Underwriting Manager di QBE Italia che ha ricordato come la pandemia e l’avvento dell’automatizzazione dei processi assicurativi abilitato dalle nuove tecnologie abbia in qualche modo cambiato il modo di lavorare degli assicuratori. Secondo Colombo, oggi ci sono sempre più rischi da assicurare specialmente “quelli nuovi legati alla rivoluzione tech” e persone da proteggere, ma senza la “linfa vitale” dei giovani questo non sarà possibile. Per riuscire in questo obiettivo è necessario attrarre giovani talenti all’interno del settore per poter garantire sempre più protezione agli utenti finali. “Da qui la necessità di avere giovani in QBE Italia. Si parla di innovazione tecnologica e di cambiamento, ma quest’ultimo affinché sia efficace deve venire dall’interno. Portare nuove leve nella nostra realtà ci consente e ci consentirà di realizzare la trasformazione. Per rendere il nostro mondo appetibile agli occhi dei giovani stiamo investendo sia in aspetti formali sia sostanziali. Dall’abolizione del vestiario tipico del settore assicurativo all’eliminazione del Lei. Inoltre abbiamo preso coscienza delle esigenze lavorative della nuova generazione: dall’adozione del lavoro da remoto al non fissare le riunioni il venerdì, dal rispetto dell’ambiente in un’ottica del raggiungimento degli obiettivi NetZero al rispetto degli aspetti legati alle tematiche sociali di diversity e gender equality”.

Europ Assistance: tra innovative strategie di lavoro e tematiche Esg

Il secondo a salire sul palco è stato Giorgio Norza – Chief People Officer di Europ Assistance che ha aperto il suo intervento con un video emozionale che ha descritto l’essenza dell’attività svolta dalla compagnia. Una società che si sta adattando al cambiamento senza mai dimenticarsi di offrire protezione alle persone. “Nuova Eura – racconta – è il modo gergale con cui noi colleghi chiamiamo l’Europ Assistance post pandemia. Un evento che ha cambiato il nostro modo di lavorare: infatti oggi noi facciamo 14 giorni di lavoro da remoto cercando di creare delle giornate di valore quando si è in ufficio. Sono le stesse persone dei vari team che propongono a noi e al management come generare questo valore”. “Sul fronte intelligenza artificiale ci stiamo concentrando su come cambierà il nostro mercato internamente ed esternamente. Oltre a questo, ci stiamo impegnando molto su tematiche attuali come gli Esg e D&I e sulla formazione delle persone”.

we want iouth 1

Bene Assicurazioni: l’importanza della formazione continua in una tech company

L’ultimo ad intervenire è stato Alberto Dominici COO – Direttore Operations di Bene Assicurazioni. Dominici ha iniziato ricordando la natura della compagnia. “Noi siamo una tech company nata nel 2016 basata su una piattaforma digitale integrata, con una licenza assicurativa e un modello di distribuzione innovativo. Per noi formare talenti è una necessità. Infatti, collaboriamo con le università, ma anche con Its (Istituti Tecnici Superiori ndr.). Inoltre, ci impegniamo nella formazione sia sul fronte di hard e soft skills anche attraverso progetti formativi in cui i giovani incontrano persone di rilievo del settore per confrontarsi”. Dominici ha parlato poi del progetto Bene Academy. “Nel 2022 e 2023 abbiamo fatto molte assunzioni di under 30 grazie alla nostra Bene Academy, una nostra accademia interna di formazione per neodiplomati e neolaureati in diverse discipline per creare risorse da inserire nel team”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech