lavoro

Prima della pandemia il lavoro in sede interessava l’84% dei dipendenti italiani. Oggi questa percentuale si attesta al 61%, a vantaggio del lavoro ibrido (16%) e totalmente da remoto (22%). Emerge tuttavia che i dipendenti preferirebbero lavorare in modalità ibrida o totalmente da remoto più di quanto sia consentito dal loro attuale datore di lavoro. Sono alcuni dei dati emersi dalla ricerca “The Dynamics of Work” di WTW, condotta su un campione globale di 720 aziende (228 in Europa e 26 in Italia) per 8,6 milioni di dipendenti (2,2 milioni in Europa e 137 mila in Italia).

Secondo la ricerca, il numero di aziende in Europa che prevedono e sono pronte a identificare nuove fonti di talenti chiave si attesta al 22%, contro il 12% dell’Italia.
“Man mano che per le organizzazioni si esaurisce l’emergenza Covid, emerge sempre di più la necessità di ripensare a come e dove viene svolto il lavoro”, ha dichiarato Edoardo Cesarini, amministratore delegato di WTW Italia. “Questa trasformazione, incluso il passaggio al lavoro a distanza, ha portato a un aumento dei rischi operativi, per le persone e per le aziende. Molte aziende si dichiarano non pronte ad affrontare e gestire questi rischi”.

Infatti, meno di 2 organizzazioni su 5 a livello globale ritengono di aver gestito efficacemente i rischi associati alle nuove dinamiche lavorative – come il cambiamento delle modalità di lavoro, la digitalizzazione e l’utilizzo di fonti di talento alternative – negli ultimi tre anni. I datori di lavoro stanno attualmente pensando a come affrontare questi rischi.

“Le dinamiche del lavoro continueranno ad evolversi per molti anni. La creazione di un vantaggio competitivo sostenibile – conclude Cesarini – richiederà strategie solide per sbloccare il potenziale di questi cambiamenti e un’attenta gestione delle persone e dei rischi operativi. Dei piani efficaci si svilupperanno ponendo il talento al centro dei cambiamenti lavorativi, comprendendo le preferenze e le percezioni dei dipendenti, allineando il lavoro e i programmi di Total Reward e rafforzando i quadri di gestione del rischio”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione Insurzine

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech