Kaspersky, cybersecurity

In Italia un dirigente C-level su tre (34%) è in difficoltà a discutere dell’adozione di nuove soluzioni di sicurezza con i colleghi che si occupano dell’IT o della sicurezza informatica. Questo è quello che rivela un recente studio di Kaspersky secondo cui per la maggior parte dei lavoratori IT il motivo principale per cui il budget per la cybersecurity “è stato ridotto” è perchè il “top management non vede alcun motivo per investire in quest’area”.

Problemi di comunicazione tra il top management e i lavoratori it

Kaspersky ha condotto un’indagine specifica per verificare se questa situazione possa essere il risultato di una comunicazione poco chiara tra i responsabili della sicurezza IT e i dirigenti, e per scoprire se non vi sia una mancanza di comprensioni tra le due parti. Lo studio ha evidenziato che, mentre quasi un terzo dei top manager (29%) pensa che i dipendenti della sicurezza informatica dovrebbero comunicare meglio i rischi IT alle aziende, solo il 9% degli addetti alla cybersecurity ammette di avere qualche difficoltà a spiegare qualsiasi aspetto del proprio lavoro a colleghi e dirigenti non informatici. 

I dirigenti C-level sostengono che i tre argomenti più difficili da trattare con il personale IT sono: l’adozione di nuove soluzioni di sicurezza (36%), le modifiche alle policy di cybersecurity (25%) e la valutazione delle prestazioni del team di sicurezza IT (27%). Mentre gli addetti all’IT affermano che i tre temi più difficili di cui discutere con i dirigenti non IT sono la necessità di aumentare il budget destinato alla sicurezza IT (41,8%), la sensibilizzazione dei dipendenti alla cybersecurity (43,2%) e l’espansione del team di sicurezza IT (34,3%). 

Per quanto riguarda gli aspetti comuni, la maggior parte degli intervistati concorda sul fatto che i modi più efficaci per favorire il confronto sui temi della sicurezza informatica sono rappresentati dalla scelta di esempi di vita reale e dal supporto di report e numeri. Oltre a questi argomenti, i dirigenti C-level hanno anche affermato che fare riferimento a opinioni di esperti (29%) consentirebbe loro di migliorare la comprensione del personale addetto alla sicurezza informatica. I team IT, invece, ritengono che le testimonianze sulle minacce (43,8%) li aiutino a comunicare meglio con i dirigenti. 

“Si può ipotizzare che i dirigenti non IT facciano fatica a confrontarsi in merito all’adozione di nuove soluzioni di cybersecurity a causa dell’abbondanza di termini e concetti tecnici complessi spesso utilizzati dal personale di sicurezza IT – ha commentato Ivan Vassunov, VP, Corporate Products di Kaspersky  – Questi ultimi, tuttavia, hanno difficoltà a parlare di aumento dei budget, poiché i dirigenti C-level si aspettano che utilizzino strategie di business per giustificare le loro attività. Oggi, in un contesto economico difficile e in un panorama delle minacce complicato, la comprensione reciproca tra le persone che si occupano di sicurezza aziendale e informatica è più importante che mai per la continuità aziendale. Per evitare ulteriori rischi di cybersecurity è fondamentale che entrambi i team utilizzino un linguaggio comune basato su numeri, contatti sicuri e argomenti comprensibili”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione Insurzine

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech