rc auto

Oltre un milione e mezzo di automobilisti ha la possibilità di risparmiare centinaia di euro in caso di sinistro. Questo è quanto rilevato da un’indagine di Segugio.it svolta nel primo semestre 2022 per calcolare il maggior costo assicurativo in 5 anni (in ipotesi di prezzi fissi) nel caso di un sinistro con colpa, basandosi sugli assicurati in classe 1 da oltre 2 anni. In Italia, infatti, il costo dell’rc auto viene stabilito principalmente attraverso il sistema bonus-malus, che si basa su un “bonus”, ottenuto dopo un anno senza sinistri e che permette di scendere di una classe, ed un “malus”, il quale viene applicato a seguito di un sinistro con colpa e corrisponde ad un aumento di due classi.

Sui preventivi del primo trimestre 2022 salvati su Segugio.it, il premio cresce al salire delle classi, partendo da un minimo di 278,3 euro per gli assicurati in classe 1, fino ad arrivare ad un massimo di 590,1 euro per gli assicurati nelle fasce comprese tra la 11 e la 18. In seguito all’introduzione dell’rc familiare, che ha esteso gli effetti del Decreto Bersani, si è assistito – spiega la società in una nota – ad un netto spostamento verso la classe 1, che comprende ormai oltre il 90% del totale assicurati. Lo studio ha evidenziato, infatti, che un assicurato in classe 1 da oltre 2 anni paga in media 248,5 euro. In seguito ad un sinistro con colpa, scalando in classe 3, il premio quasi raddoppia nell’anno successivo, con un maggior costo di 241,7 euro. In 5 anni il maggior costo totale risulta di 679,9 euro (Grafico 1).

Maggior costo assicurativo in 5 anni in seguito a sinistro (Italia)

La stessa analisi è stata replicata per la Campania, regione caratterizzata da premi rc auto decisamente più alti. Nella Regione, un assicurato in classe 1 da oltre 2 anni paga in media 470 euro e in seguito ad un sinistro con colpa andrebbe a pagare in 5 anni un maggior costo di circa 1700 euro (Grafico 2).

Maggior costo assicurativo in 5 anni in seguito a sinistro (Campania)

Per questa ragione, la società ha suggerito agli assicurati che hanno provocato un incidente con una colpa di lieve entità di prendere in considerazione la procedura del “rimborso del sinistro”. Una procedura che permette all’assicurato di mantenere la classe bonus-malus rimborsando personalmente il costo, evitando così i maggiori costi assicurativi di cui sopra. In particolare, il cliente finale dovrà rivolgersi alla propria compagnia nel caso in cui il sinistro sia stato risarcito dalla stessa per conoscerne l’importo e, se di entità modesta, rimborsarlo personalmente; oppure, se il sinistro è stato risarcito dalla compagnia del danneggiato presentare richiesta di riscatto alla Consap e valutare, una volta conosciuto l’importo, quale strada sia più conveniente.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech