insly, insurtech

Insly, piattaforma software low/no-code per assicuratori, broker assicurativi e Mga, ha raccolto un round bridge da 1,1 milioni di euro. Metà di questa cifra è stata impegnata da investitori esistenti, Concentric e Uniqa Ventures, e metà da un sindacato di business angel guidato da Fund Fellow Founders. Il round porta il totale raccolto di Insly a 5,8 milioni di euro.

Che cosa fa Insly

L’insurtech con sede a Londra e Tallinn, fondata da Risto Rossar, consente ad assicuratori, Mga, broker e assicuratori di digitalizzare e automatizzare le loro operazioni di mid e back-office, tra cui distribuzione, amministrazione delle polizze, sottoscrizione, sinistri e riassicurazione.

Rossar ha fondato Insly dopo aver fondato il Gruppo IIZI nel 2000, uno dei primi broker assicurativi digitali al mondo. Dopo aver venduto l’attività nel 2014, ha fondato Insly con l’obiettivo di rendere la tecnologia assicurativa facile da implementare e utilizzare, consentendo ai broker assicurativi di aumentare l’efficienza, ottimizzare l’esperienza del cliente e ridurre i costi inutili.

Inizialmente una soluzione SaaS per broker, da allora Insly si è diversificata in strumenti per Mga e compagnie assicurative, sviluppando allo stesso tempo un prodotto senza codice personalizzabile e facilmente configurabile, riducendo la necessità di manutenzione e costosi interventi di sviluppo.

La crescita di Insly

Negli ultimi otto anni, Insly è cresciuta fino a diventare un team di 100 persone, con uffici a Tallinn, Londra, Vilnius e Varsavia. Serve oltre 1.000 broker, Mga e assicuratori, con oltre 15.000 utenti e oltre 0,5 miliardi di euro di premi lordi negoziati sulla piattaforma. I suoi clienti coprono 52 paesi in tutto il mondo e i ricavi globali sono cresciuti di oltre il 30% nell’ultimo anno.

I fondi verranno utilizzati dalla società per consentire un ulteriore sviluppo del prodotto, oltre ad alimentare iniziative di vendita e marketing per acquisire nuovi clienti.

“Stiamo inserendo nuovi clienti e anche l’azienda è vicina al pareggio, un risultato fantastico in un lasso di tempo relativamente breve – ha affermato Rossar – Questo round di bridge ci consentirà di intensificare lo sviluppo dei nostri prodotti, le vendite e il marketing, in modo da poter portare i nostri prodotti a un numero ancora maggiore di clienti e avvicinarci al nostro obiettivo di costruire una delle più grandi piattaforme assicurative al mondo”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech