benzina, Cambridge Mobile Telematic

Questa settimana il ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, e il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, hanno firmato un nuovo decreto interministeriale che proroga fino al 17 ottobre le misure attualmente in vigore per ridurre il prezzo finale dei carburanti. Una decisione definita inadeguata dall’Unione Nazionale Consumatori che avrebbe preferito un taglio ulteriore delle accise e una proroga più estesa, almeno fino alla fine di ottobre.

L’aumento dei prezzi alla pompa ha già modificato le abitudini degli italiani. Secondo un’indagine commissionata da Facile.it a mUp Research tra marzo e maggio di quest’anno circa il 46% degli automobilisti italiani ha ridotto l’utilizzo della propria auto con l’obiettivo di risparmiare qualche euro sui consumi. Un automobilista su tre ha addirittura modificato un po’ lo stile di guida per ridurre i consumi.

Ed è forse leggendo questi dati – un po’ simili in tutti i Paesi colpiti dal caro carburante – che a Cambridge Mobile Telematics (Cmt) è venuta l’ispirazione per ideare il suo nuovo prodotto. L’insurtech statunitense specializzata in soluzioni telematiche per il settore assicurativo ha infatti lanciato FuelStar, un’app che promette di aiutare i conducenti a risparmiare fino al 40% sulla benzina mostrando loro come guidare in modo più efficiente.

La soluzione analizza i modelli di guida che consumano benzina più velocemente, come accelerazione rapida, accelerazione e frenata brusca, e insegna alle persone come apportare piccoli cambiamenti alle loro abitudini di guida per aiutarli a risparmiare denaro alla pompa. “Abbiamo visto che le persone in tutto il paese stavano lottando con i prezzi elevati della benzina e volevano creare una soluzione per alleggerire il carico – ha affermato Rafi Finegold, senior vice president product per Cmt – FuelStar è nato dall’idea che apportando piccole modifiche al comportamento di guida, le persone possono ridurre drasticamente la frequenza con cui hanno bisogno di acquistare benzina”. Dimenticavamo: l’app ovviamente è gratuita. Almeno quella.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech