hannover re, insurtech

Il riassicuratore tedesco Hannover Re ha annunciato che nella prima metà del 2022 l’utile netto della società si è attestato a 649 milioni di euro, in calo del 3% rispetto ai 671 milioni di euro registrati nell’anno precedente. Il riassicuratore ha inoltre dichiarato, in una nota, che i premi lordi emessi “sono aumentati di quasi il 20% a 17,3 miliardi di euro, mentre i premi netti guadagnati sono aumentati del 19,6% a 13,8 miliardi di euro”.

“La nostra crescita costantemente forte e redditizia dimostra quanto sia ricercata la protezione riassicurativa di Hannover Re dai nostri clienti in tempi difficili – ha commentato Jean-Jacques Henchoz, Ceo di Hannover Re -Abbiamo ottenuto un risultato soddisfacente nel primo semestre del 2022, anche grazie alla nostra superlativa gestione del rischio e del capitale. Siamo stati in grado di farlo nonostante abbia messo da parte riserve per gli impatti della guerra lanciata contro l’Ucraina in violazione del diritto internazionale, nonostante le considerevoli ingenti spese per le perdite e nonostante gli ulteriori pagamenti legati alla pandemia”.

La riassicurazione danni

Nell’ambito della riassicurazione danni, si legge nella nota, la spesa netta per ingenti perdite nel primo semestre 2022 ha raggiunto 850 milioni di euro, rispetto a 326 milioni di euro nel primo semestre 2021, ed è di circa 239 milioni di euro al di sopra del livello previsto di 611 milioni di euro per la prima metà dell’anno. Infatti, nell’ambito della riassicurazione danni, il premio lordo emesso è aumentato di quasi il 26% a 12,9 miliardi di euro nel primo semestre 2022, poiché il premio netto guadagnato è cresciuto di oltre il 25% a 9,8 miliardi di euro.

Complessivamente, il ramo danni ha prodotto un utile operativo di 586 milioni di euro nel primo semestre 2022 contro 778 milioni di euro nel primo semestre 2021, poiché l’utile netto del segmento è sceso, anno su anno, da 592 milioni di euro a 399 milioni di euro.

La riassicurazione vita

Hannover Re ha anche visto l’opportunità di far crescere il proprio portafoglio di riassicurazione vita e salute (L&H) nel primo semestre del 2022, in particolare per soluzioni di protezione dai rischi di longevità e soluzioni finanziarie. Questa parte dell’attività ha registrato una crescita dei premi lordi emessi del 5,3% a 4,4 miliardi di euro, mentre i premi netti guadagnati sono aumentati del 7,6% a 3,9 miliardi di euro. Infatti, il risultato operativo della riassicurazione L&H è migliorato del 86% segnando i 334 milioni di euro.

Sul lato attivo del bilancio, Hannover Re ha riferito che il portafoglio di attività in gestione propria è rimasto a 56,2 miliardi di euro. Allo stesso tempo, il reddito netto da investimenti è aumentato del 23% a 853 milioni di euro, con un rendimento annualizzato del 3%, che è al di sopra dell’obiettivo per l’intero anno di almeno il 2,3%. Infine, il riassicuratore ha dichiarato che i proventi degli investimenti sono aumentati di oltre il 13% a 980 milioni di euro.

“Il nostro successo si basa sulla nostra notevole disciplina di sottoscrizione, sull’efficienza in termini di costi del nostro modello di business e sulla nostra agile gestione del capitale – ha aggiunto Henchoz-  Su questa base siamo nella posizione ideale per affrontare le numerose sfide del nostro mercato. In questo contesto, e grazie alle nostre solide relazioni con i clienti, sono fiducioso che raggiungeremo i nostri ambiziosi obiettivi per il 2022. Con il risultato dei primi sei mesi abbiamo gettato le basi fondamentali a tal fine”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech