cirinà, generali

Il cda di Generali ha deciso di interrompere con effetto immediato il rapporto di lavoro con Luciano Cirinà. Lo scorso 23 marzo Cirinà era stato sospeso dall’incarico di Austria & CEE Regional Officer. Secondo quanto affermato dalla compagnia in una nota, la decisione è giunta “a seguito della violazione degli obblighi di lealtà e dalla grave violazione di altri obblighi previsti dal contratto di lavoro”.

Il 25 marzo scorso Cirinà e Claudio Costamagna – indicati come presidente e ad di Generali dalla lista alternativa di Francesco Gaetano Caltagirone per l’assemblea del 29 aprile – avevano presentato al mercato il loro programma strategico dal titolo “Awakening the Lion” che sfida quello presentato a dicembre da Donnet, al quale lo stesso Cirinà aveva lavorato per l’area di sua competenza. Il piano punta a utili a circa 4,2 miliardi nel 2024, una generazione di cassa cumulata per circa 9,5-10,5 miliardi nel periodo 2022-2024, circa 1,5-1,6 miliardi di investimenti in trasformazione digitale e tecnologica, a un obiettivo di riduzione costi annui fino a 0,6 miliardi, alla massimizzazione della disponibilità di cassa per attività di M&A fino a circa 7 miliardi.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech