Ivass, Palatto Volpi

La raccolta premi vita e danni dei primi nove mesi del 2021 si è attestata a 110,2 miliardi di euro, in aumento del +10% rispetto all’analogo periodo del 2020. A dirlo è stato l’ultimo bollettino Ivass. In particolare, la raccolta del settore vita è risultato pari a 82,5 miliardi, registrando un aumento del +12,5%, dovuto alle polizze “finanziarie di ramo III – unit e index linked – che si attestano in crescita di 10,8 miliardi raggiungendo i 32,4 miliardi (+50,2%) contro un +0,7% per le polizze di Ramo I. La nuova produzione vita è in crescita di 6,7 miliardi.

La produzione assicurativa con finalità previdenziali (ramo VI e produzione specifica di ramo I e III) diminuisce di oltre 1,5 miliardi e quella legata alle operazioni di capitalizzazione (ramo V) di quasi mezzo miliardo.

La raccolta danni si è attestata a 27,7 miliardi, in aumento del +3,0%, grazie soprattutto alla crescita del comparto non auto. La raccolta del comparto auto risulta essere in calo del -0,8% per effetto della riduzione di 334 milioni della rc auto, mentre risulta in aumento di 241 milioni la raccolta delle garanzie facoltative corpi veicoli terrestri.

Inoltre, si confermano il principale canale di distribuzione per le polizze vita gli sportelli bancari e postali (55,6% del totale), mentre per quelle danni continuano a prevalere le agenzie con mandato (69,4%). L’84,4% delle polizze rc auto viene distribuito da agenzie con mandato e il 7,4% mediante telefono e Internet.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech