Millennials

Le assicurazioni devono cambiare approccio, modelli di business e innovare i propri prodotti per conquistare i clienti assicurativi di domani, ovvero Millennials e Generazione Z. È questo il monito che arriva dall’ultima ricerca realizzata da Majesco che indaga le nuove esigenze e aspettative dei clienti assicurativi. “Le esperienze di vita di millennials e generazione z non seguono il percorso tracciato dalle generazioni precedenti – spiega Denise Garth, Chief Strategy Officer di Majesco. “Il loro stile di vita, esigenze e aspettative richiedono offerte assicurative diverse”. Per Garth, “il Covid ha portato ad un aumento della consapevolezza e del valore dell’assicurazione, ma ha anche cambiato in modo significativo le aspettative di acquisto, ora più digitali”. Ecco così fiorire l’offerta di assicurazioni integrate, opzioni di pagamento innovative come l’uso delle criptovalute. “La cosa più interessante – aggiunge Garth – è il cambiamento delle aspettative sui tipi di prodotti assicurativi necessari, la necessità di servizi a valore aggiunto e la domanda di sottoscrizioni personalizzate che sfruttano nuove fonti di dati, inclusi i dispositivi IoT”.

Cosa desiderano Millennials e Generazione Z

Come evidenziato dalla ricerca, le esigenze dei clienti assicurativi di oggi e di domani sono mutate a seguito della pandemia. Secondo lo studio, Millennials e Generazione Z desiderano un’esperienza cliente olistica, in cui le offerte digitali riuniscono altri prodotti e servizi per aiutarli a gestire la propria vita. Questo nuovo desiderio obbliga le assicurazioni a rivedere i propri modelli per offrire ai propri clienti,servizi a valore aggiunto e prodotti non assicurativi, in un’ottica beyond insurance. Se ciò non dovesse avvenire si creerebbe un divario tra domanda e offerta. E in questo stacco, avvertono gli autori della ricerca, potrebbero inserirsi nuovi concorrenti “per soddisfare tale aspettativa, direttamente o attraverso partnership con assicuratori”.

Il report cita già alcune società che si sono mosse in questo senso: Toyota, Sofi, Ford, Petco, Outdoorsy. Sono solo alcuni marchi che hanno cominciato a offrire prodotti assicurativi attraverso l’integrazione o la partnership con brand assicurativi. Lo studio si chiude con un ennesimo avvertimento agli operatori del settore: “Gli assicuratori devono aggiornare rapidamente la loro mentalità, i loro processi e la tecnologia, o rischiano di essere lasciati indietro in uno stato di irrilevanza”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione Insurzine

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech