Foto Elisa Forlani IMA 40 anni

Trasformazione digitale e sostenibilità sociale e ambientale. Sono i due pilastri sui cui poggia il piano strategico 2022-25 del gruppo francese Inter Mutuelles Assistance, casa madre di Ima Italia Assistance. Ad annuncialo è la società che festeggia quest’anno i 40 anni di attività. In una nota il gruppo ha elencato gli ultimi risultati raggiunti: nell’ultimo decennio il fatturato di Ima è passato dai 444 milioni del 2011 agli 880 previsti per l’esercizio 2021. Anche l’organico è raddoppiato raggiungendo gli attuali 5.000 dipendenti. Bene anche la filiale italiana che ha registrato 56 milioni di euro di fatturato consolidato nel 2020, con una previsione di 63 milioni per il 2021, ha gestito 286.000 dossier nel 2020 e conta di arrivare a 345.000 entro fine 2021. Di particolare rilievo anche l’attività del call center sinistri che nel 2020 ha gestito 84.000 chiamate e 67.000 dossier, per un totale di 14.000 sinistri. I risultati raggiunti, spiega la società, sono arrivati grazie “ad investimenti importanti in innovazione di prodotto e nuove tecnologie”.

L’incubatore IMAl@b

La tecnologia sarà il focus dello sviluppo futuro del gruppo che passa da IMAl@b, incubatore di idee e progetti volti a creare “nuovi servizi integrati nei mondi digitali di azionisti e partner, per offrire una customer experience evoluta.” La piattaforma IMAl@b si concentra infatti sullo sviluppo di nuove API e partnership con startup innovative. Tra queste vanno citate l’integrazione nei sistemi informatici di Ima di What3words, un innovativo sistema di geolocalizzazione, e la collaborazione con Carbooker per offrire auto sostitutive e a noleggio in modo sempre più smart e sostenibile.

Il Gruppo sta inoltre investendo fortemente nelle nuove tecnologie (Intelligenza Artificiale, Voice Bot, blockchain, Internet of Things) per offrire una customer experience evoluta, con un occhio di riguardo alla salvaguardia dell’ambiente e al benessere dei dipendenti.

“Siamo orgogliosi di far parte di un gruppo così importante e competitivo che negli ultimi anni ha investito molto in innovazione e nuove tecnologie con obiettivi di crescita e sviluppo molto ambiziosi, sia per il mercato italiano che per quello internazionale – ha affermato Elisa Forlani, direttore generale di Ima Italia Assistance (foto) – Il tutto senza tralasciare il contatto umano necessario a supportare gli assicurati in difficoltà e garantendo un elevato standard qualitativo. Le nostre nuove strategie di marketing e commerciali beneficiando della forza innovativa del Gruppo prevedono l’implementazione delle best practice internazionali al fine di realizzare nuovi prodotti capaci di intercettare le specifiche esigenze del mercato italiano”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione Insurzine

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech
Dati Insurtech