rc auto, assicurazioni

Ecco chi sono i guidatori più virtuosi secondo Verti.

Le strade d’Italia sono percorse ogni giorno da milioni di automobilisti, ognuno con abilità e personalità particolari che incidono sulle performance al volante. Secondo quanto emerge da VertiMovers, l’Osservatorio della compagnia assicurativa digitale Verti (Gruppo MAPFRE) sull’andamento della mobilità nel nostro Paese negli ultimi anni, i guidatori più prudenti sono coniugati e lavoratori dipendenti, indipendentemente che siano donne o uomini. La frequenza di sinistri per i cosiddetti driver lover è del 3,3%*: se, però, per le donne il dato si riferisce alla fascia d’età 35-39 anni, per gli uomini la cautela è sinonimo di maggiore età, visto che il dato si riferisce alla “classe” 45-49 anni. Complessivamente, gli adulti (in generale dai 35 ai 54 anni) si confermano gli automobilisti più abili, senza particolari distinzioni di genere. L’altro lato della medaglia mostra invece un comportamento più azzardato che riguarda i ragazzi e le ragazze della Generazione Z, con un’età compresa tra i 18 e i 24 anni: per loro, il tasso di frequenza sinistri è del 7,6%.

Seppur a distanza dai giovanissimi, anche gli anziani over75 denunciano sinistri con una certa frequenza, attestandosi a un significativo 5,1%. Appena sotto invece i trentenni di oggi, comunemente noti come Millennials, il cui tasso di sinistri è del 4,9%.

Tra i profili professionali più “spericolati” troviamo le casalinghe, con un indice di sinistri del 4,6% se riferito alla fascia d’età 45-49. Le fa da contraltare con la stessa frequenza il pensionato uomo. A eccezione dei già citati lavoratori dipendenti, a posizionarsi bene tra i più virtuosi al volante ci sono anche gli operai (3,4%). Tra le donne, qualche punto percentuale più su (3,7%) troviamo le insegnanti 45-49 anni. Se invece usciamo dalla distinzione di genere, i professionisti più prudenti sono i dipendenti pubblici (3,35%) e i più “pericolosi” gli ecclesiastici (5,51%). L’analisi dello stato civile invece disegna uno scenario stradale in cui i conviventi (indipendentemente dal genere) sono i più virtuosi a fronte dei vedovi che si trovano più di altri (5,28%) a dover compilare constatazioni amichevoli.

Negli anni l’auto ha assunto un ruolo sempre più importante nelle nostre vite: ha ridefinito i nostri tempi e spazi, entrando di diritto nella nostra routine” – ha dichiarato Marco Buccigrossi, Direct Business Director di Verti. “Nel 2020 il suo uso ha subito una forte battuta d’arresto, e infatti, stando al Rapporto ACI-Istat anche gli incidenti hanno registrato un calo esponenziale, con un -29,5% sulle autostrade. Una tendenza incoraggiante che purtroppo, però, è legata al blocco della mobilità per il lockdown e non tanto a un’improvvisa e ritrovata prudenza stradale. Con la ripresa – tanto auspicata – della normalità, gli italiani torneranno a circolare in città e sulle strade a grande percorrenza, ognuno con le proprie caratteristiche, come emerge dal nostro Osservatorio. La diversità, in generale e in questo caso al volante, è sempre una ricchezza: il nostro invito è sempre quello di dosare il proprio stile di guida e il proprio carattere con una giusta quantità di prudenza”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech