neurovendita, lamentarsi

Neurovendita, lamentele e efficienza cerebrale

Tutte le persone che lavorano nelle vendite si lamentano. Il 75% delle comunicazioni tra colleghi riportano un contenuto negativo su: clienti, prodotto, servizio, azienda. L’80% chiama amici e il partner al termine della giornata lavorativa per raccontare cosa non va.

Questo continuo lamentarsi traduce un approccio negativo alle cose che accadono. I problemi esistono. Voglio solo dire che spesso siamo portati ad ingigantirli e catastrofizzare. In altri termini la nostra mente è spesso carica di pensiero negativo (Beck).

Ecco due spunti sul rapporto tra pensiero negativo e cervello:

1)    HPA. Quando pensi in maniera negativa si attiva HPA (asse ipotalamo-ipofisario). Pensare in negativo per il sistema nervoso è predisporsi ad affrontare un pericolo. HPA è un complesso sistema biologico che grazie al rilascio di specifiche sostanze (ad esempio il cortisolo) predispone a comportamenti di fuga, lotta o attesa. HPA è un sistema costruito per rispondere a minacce reali. Si attiva anche al solo pensiero del pericolo.

2)    HPA spegne la CORTECCIA. L’attivazione di HPA riduce indirettamente il funzionamento cerebrale. Diminuisce il funzionamento della corteccia superiore, ovvero delle aree cerebrali che permettono: creatività, capacità di comunicare, la capacità di apprendere e ricordare e tanto altro.

Ogni volta che la tua mente è carica di contenuti negativi, stai attivando “a sproposito” HPA riducendo la tua Efficienza cerebrale. Indipendentemente dai problemi commerciali che devi affrontare ti serve essere: Meno lucido? Meno attento? Meno creativo? Meno comunicativo? Pensaci ogni volta che ti lamenti e lasci che la negatività abbia il sopravvento. Buone Neurovendite!

Seguici sui nostri canali social: Facebook e Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Lorenzo Dornetti

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech
Dati Insurtech
I Podcast di Insurzine