amazon pay, quixa app, connected insurance

Raggiungere i propri clienti attraverso lo smartphone è diventata una delle esigenze primarie per il settore delle assicurazioni. Le compagnie tradizionali si sono già mosse in questo senso. L’ultima in ordine di tempo è l’app di Allianz presentata urbi et orbi nemmeno un mese fa. Una scelta obbligata certificata dai numeri.

Secondo una ricerca condotta da Mps Evolving Marketing Research, il 60,5% dei giovani fra i 25 e i 34 anni utilizza almeno un’applicazione per smartphone o tablet per la gestione dell’assicurazione o di altri servizi finanziari. E la stragrande maggioranza di coloro che non usufruiscono di questi servizi (73%) motiva la scelta con la scarsa utilità delle funzionalità proposte. Insomma c’è la domanda ma sembra mancare l’offerta.

In realtà il mercato relativo al suddetto settore è in completo fermento. Nell’ultima settimana ha fatto il suo debutto la soluzioni presentata da Quixa .

Come spiega la società, Quixa App è un’applicazione pensata innanzitutto per i propri assicurati. Disponibile gratuitamente per i sistemi per i sistemi operativi iOS e Android, l’app permette di acquistare polizze con firma elettronica e caricare documenti scattando una foto. Come il servizio approntato da AllianzNow, anche Quixa App permette di richiedere velocemente l’assistenza del soccorso stradale e di trovare la carrozzeria o il centro cristalli più vicino, fornendo la propria posizione attraverso un servizio di geo-localizzazione.

Carlo Francesco Dettori

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech