assicurazione, offerta prodotti assicurativi

Una parte significativa dei prodotti assicurativi negli Stati Uniti è, attualmente, acquistata da consumatori e piccoli imprenditori tramite agenti di assicurazione (esclusivi o independent) e non direttamente dalle imprese assicuratrici. Gli agenti possono svolgere un’importante funzione di market-maker offrendo informazioni a entrambe le parti della transazione assicurativa. Possono, altresì, offrire utile consulenza ai soggetti meno informati riguardo a come scegliere fra un numero molto ampio di prodotti disponibili sul mercato.

transinsure-digital-insurance-transformation-1-638

Per contro, può accadere che gli agenti trattengano le informazioni di cui sono in possesso e distorcano il processo di scelta dei consumatori, fornendo dati non corretti o operando nel proprio interesse.

Il paper in esame passa in rassegna la letteratura economica e giuridica sugli intermediari che operano nei segmenti di mercato retail, analizzando la misura in cui la concorrenza e/o la regolamentazione promuovono un’informazione e una consulenza obiettiva e di alta qualità.

Gli autori indicano che né le forze di mercato né il quadro regolamentare sono in grado di limitare in modo sostanziale la capacità dell’agente di operare nel proprio interesse fornendo una consulenza non oggettiva, benché l’evidenza empirica riguardo alla frequenza di tali comportamenti sia del tutto limitata.

iStock_000011662581XSmall

Riforme normative e regolamentari possono migliorare la situazione, ma gli autori sottolineano che gli sviluppi istituzionali e tecnologici in corso potranno spingere verso una progressiva sostituzione dell’agente “fisico” con sistemi di software analoghi a quelli che si sono sviluppati nel settore delle agenzie turistiche.

Tale evoluzione pone il regolatore di fronte a rischi ed opportunità. I sistemi informatici possono offrire servizi di market-making più accurati, ma possono anche facilitare fenomeni di mismatching ed essere soggetti agli stessi tipi di incentivi distorti che a volte caratterizzano gli intermediari “fisici”.

Articolo tratto da:

Daniel SCHWARCZ, Peter SIEGELMAN

“Insurance agents in the 21st century: the problem of biased advice”

SSRN – SOCIAL SCIENCE RESEARCH NETWORK

http://www.ssrn.com/

Download White Paper

Carlo Francesco Dettori

Socio Fondatore di I.D.M. Associati Srl. Ha maturato una pluriennale esperienza nel settore finanziario, assicurativo e della formazione, ricoprendo ruoli di responsabilità, docenza e rappresentanza in importanti e prestigiose Società e Associazioni di Categoria (Credito Italiano, Cardif-BNP Paribas, alcune S.I.M, A. Candian Formazione,ACB, Assointermediari, CISL, S.N.A. Form, IAMA Cosulting, etc...). Formatore Professionista dal 1986, già iscritto all'Albo dei Consulenti Finanziari (ex Promotori Finanziari), Agente e poi Broker assicurativo, ha contribuito, tra l'altro, alla nascita e allo sviluppo di diversi progetti, contribuendo anche alla fase di start-up, in ambito distributivo, formativo e consulenziale. Autore di interventi, articoli e pubblicazioni in campo assicurativo e formativo. E' iscritto al n. 12 del Registro Formatori Professionisti di A.I.F.
Dati Insurtech
I Podcast di Insurzine