rischio catastrofale, catastrofi naturali
rischio catastrofale

Un evento catastrofale costituito da un improvviso e rapido aumento della mortalità rappresenta un rischio grave per l’industria assicurativa vita. Tra le molteplici fonti di rischio catastrofale(1), la pandemia influenzale viene considerata dagli operatori del mercato quella  avente le maggiori probabilità di realizzazione.
Per tale ragione, essa viene analizzata in modo approfondito dagli autori del paper in esame.

Pur nell’impossibilità di formulare previsioni certe, dall’analisi compiuta deriva l’indicazione secondo cui una pandemia rappresenterebbe un evento “decisamente costoso” – anche se non “fatale” – per il mercato assicurativo vita. Gli autori evidenziano anche la numerosità dei rischi correlati a quello catastrofale e ai quali le imprese assicuratrici risultano parimenti esposte. Gli autori, pertanto, hanno analizzato la varietà degli strumenti di risk management a disposizione delle imprese, ai fini del contenimento di tali rischi.

Tradizionalmente, gli strumenti utilizzati per gestire il rischio catastrofale sono la riassicurazione, la diversificazione di prodotto, la flessibilità del pricing, la scelta accurata degli attivi e delle strategie di gestione degli stessi. In tempi recenti, tuttavia, ad essi si sono affiancati strumenti “innovativi” quali gli ILS (i “catastrophic mortality bonds”), anche se – sottolineano gli autori del paper – questi ultimi presentano alcune limitazioni.

Appare pertanto del tutto probabile – conclude il paper – che la gestione della futura esposizione ai rischi pandemici rimanga un problema sostanzialmente irrisolto e che essa continuerà a costituire, per gli operatori del mercato assicurativo, una vera e propria sfida aperta.

Calamità naturali, Rischio, Cartolarizzazione

La ripartizione del rischio secondo criteri di efficienza riveste – soprattutto nel caso di “grandi rischi”, quali le calamità naturali – un ruolo essenziale per lo sviluppo e la crescita economica.

Gli autori dello studio esaminano i criteri di assicurabilità del rischio di calamità naturale e ricercano le ragioni di eventuali limiti all’offerta assicurativa. Rilevano che, in mancanza di adeguate informazioni (necessarie per valutare la probabilità del rischio, la consistenza dell’eventuale danno e, quindi,  la capacità di sottoscrizione),  gli assicuratori possono decidere di non offrire copertura, senza considerazione alcuna per l’entità della domanda.

Attraverso strumenti finanziari  quali, ad esempio, le Insurance-Linked Securities (ILS), i limiti di assicurabilità possono essere considerevolmente estesi, utilizzando le risorse dei mercati dei capitali attraverso operazioni di securitization o catastrophe options.

Una delle peculiarità di questo trasferimento alternativo del rischio è legata al fatto che gli emittenti di Insurance-Linked Securities sono in genere costretti a offrire rendimenti molto allettanti per riuscire a trovare investitori disposti all’acquisto di tali strumenti.

Sul punto, gli autori ipotizzano che tali rendimenti “sproporzionati” possano essere parzialmente motivati da una certa “avversione all’innovazione” da parte degli investitori privati.

Gli autori del paper ritengono che azioni di “comunicazione persuasiva”, come pure l’utilizzo di opportune tecniche di segmentazione sulla base dei diversi profili psicologici (pshychografic market segmentation), potrebbero rivelarsi strumenti utili per raggiungere anche gli investitori meno aperti alle novità.

Quanto precede può rappresentare, secondo gli autori, un primo progresso verso una più profonda comprensione delle dinamiche legate alla propensione ad investire in forme di “trasferimento del rischio”, ma non costituisce  certo una risposta esaustiva al problema.

Nuovi ambiti di analisi comportamentale potranno diventare oggetto di analisi attraverso successivi studi.

(1)  Pandemie, guerre, attacchi terroristici, calamità naturali, incidenti di varia natura (ad esempio, legati alle diverse attività industriali).

Articolo tratto da:

Alex HUYNH, Aaron BRUNH, Bridget BROWNE
“A Review of Catastrophic Risks for Life Insurers”
Risk Management and Insurance Review (RMIR), Vol. 16, n. 2 (2013)
ARIA – AMERICAN RISK AND INSURANCE ASSOCIATION

https://www.aria.org/

WILEY ONLINE LIBRARY – Link alla pagina di presentazione della rivista

Carlo Francesco Dettori

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech